Associazione Softair Italia CSEN

Finale: The Act Of Valour

The ActQuando mi é stato chiesto da Soft Air Mag di scrivere un articolo sulla finale del 1^ Campionato Nazionale Csen Softair, anche se gratificato, ho pensato però di non essere la persona più indicata per questo compito, in quanto coinvolto come responsabile ed organizzatore. Ho deciso così, di farlo scrivere ad un membro di uno degli 8 team in competizione, che ha concluso il torneo posizionandosi a metà classifica. 

Normalmente, la farmacia puede ofrecerle tratamientos genuinos para numerosos problemas de salud. ¿Qué podemos compraría en Internet? Por lo general, tanto los hombres como las mujeres se ven afectados por problemas de salud sexual. A continuación se presentan ideas sencillas sobre todo "kamagra oral jelly 100mg". Cuando usted compra remedios como Kamagra debe recordar acerca de "Kamagra Oral Jelly en el Reino Unido". Varios sitios web lo describen como "compraría kamagra oral jelly 100mg". Sin embargo, hay varios remedios que pueden ser ayudarnos sin efectos secundarios. ¿Qué debo hablar por teléfono con un médico antes de comprar Kamagra? Dígale a su médico forense si usted está tomando otros medicamentos. A pesar de que este remedio no es para uso en mujeres, no se sabe si esta droga podría dañar a un bebé lactante.

 

Questa persona fa parte di una ASD con cui ho avuto confronti anche duri, per questa ragione sono certo della sincerità ed imparzialità nel raccontarvi questa prima Finale di Campionato Nazionale Csen Softair 2012/2013 vinta meritatamente dai Doom Troopers di Ferrara.

Io mi limiterò esclusivamente a questo prologo e ai ringraziamenti finali.

Buona lettura, Stefano "Jackal" Vallona

Lealtà, Amicizia, Onestà  Di Marco “NEMO” Quercioli - ASD Scout Firenze

Photo4Fare sondaggi, esprimere opinioni e valutare complessi aspetti sociali sono il pane quotidiano di migliaia di professionisti, in Italia e nel mondo. Tante sono le aziende che richiedono i loro servizi, tanti sono gli eventi da monitorare. Ma non credo che CSEN dovrà assumere nessuno di loro per dare risposta alla domanda che tutti gli organizzatori (da quelli della sagra del tortello a quelli del G8) continuano a farsi per i giorni successivi all'evento: “com' è andata?”

Domenica 8 settembre 2013, dopo la finale del campionato soft air CSEN 2013, la risposta era davanti agli occhi di tutti: si trovava nei sorrisi di coloro che vi avevano partecipato, si trovava nell'esultanza di chi è salito sul podio ma anche nella felicità di chi si è dovuto purtroppo ritirare. Diciamocelo chiaro, a tutti piace vincere e tutti vorrebbero essere sempre primi, ma quando l'amarezza di non aver vinto é superata dalla gioia di aver partecipato ad un evento significa che quest'ultimo è andato ben oltre le aspettative.

Di chiunque.

Qualcuno avrà forse notato una complicazione nella scelta dei termini utilizzati: “perchè utilizzare - non vinto - e non più semplicemente - perso -?”

Perché nel nostro sport non esistono vittorie e sconfitte, perché nel nostro sport non esistono la serie A o la serie B. Possono esistere squadre che vivono con più o meno agonismo la giocata, ma non vincitori e sconfitti. Già, giocata. Non partita, che ha come sinonimi contesa, competizione, ma giocata a cui si affiancano lealtà, amicizia ed onestà (sì, è una mia licenza poetica, non lo troverete sul dizionario!).Photo8

Premesso tutto ciò, mi sento quindi libero di affermare che in quest'occasione i responsabili CSEN hanno seguito questa filosofia, mostrando ad una rete di associazioni i benefici che può comportare l'affiliarsi ad un ente che ha come scopo la promozione sportiva, anteponendo valori di vita quotidiana al mero agonismo, senza tuttavia tralasciarlo. Perché nonostante i punti forti appena elencati non sono mancati momenti di estremo realismo.

Penso alla liberazione della “sequestrata” Lisa Morales, malamente imprigionata all'interno di un'abitazione posta sulla cima di una piccola collinetta. Non è stato facile avvicinarla di soppiatto, ma la fatica dell'ingaggio è stata ampiamente ripagata dallo stupore dovuto alla cura meticolosa dei particolari. Sembrava di partecipare ad un film, con ambientazioni e scenografie corrispondenti alla realtà.

Penso alla cattura di Christo, nascosto in un piccolo villaggio oscurato dalla fitta vegetazione che lo circondava. O all'eliminazione di Abu Shabal, protetto da numerosi narcotrafficanti Messicani.

“Tutto qui?” penserete.  No, non è tutto qui. C'è altro, molto altro, ma non vi dirò niente.

Photo15Immagino già la faccia di chi leggerà queste poche righe prima della stampa, ma io già da ora faccio le mie scuse a tutti. Mi scuso, ma non riesco a descrivere bene quello che ho visto, che ho ingaggiato, che ho ascoltato. Non ci riesco perché spesso, alla fine di queste giocate, defocalizzo l'attenzione spostandola su ciò che voglio vedere quando gioco ad uno sport costoso, difficile da vivere e difficile da far comprendere: sorrisi e gioia. E' stato stancante passare 36 ore in giro nei boschi, a leggere mappe e a rimanere immobili. 

Non voglio portarmi a casa note tecniche più o meno positive, non voglio pensare a come sarebbe andata se avessi fatto qualcos'altro.

Voglio tornare a casa e raccontare com'è andata con euforia, voglio tornare a casa e sentirmi più legato a chi ha condiviso l'esperienza con me, voglio tornare a casa e andare su internet a cercare la data del prossimo evento.

Stefano “Jackal” Vallona mi ha dato l'opportunità di scrivere questo mio piccolo pensiero, forse si aspettava una dettagliata analisi tecnica dell'operato e dello svolgimento della manifestazione, ma gli ho dato altro: gli ho dato un motivo.

Uno di quei motivi che serve per continuare a creare eventi del genere. Per continuare ad affaticarsi e a “farsi il sangue amaro” (perdonate i miei scivoloni dialettali) nonostante tutte le difficoltà. Photo7

Non ci serve un bravo regista, né tantomeno un bravo coreografo.

Ci serve altro e Stefano, forse anche un po' inconsciamente, ce lo sta dando.

Al soft air serve qualcuno che unisca tutti i giocatori, che si impegni affinché sempre più persone decidano di intraprendere questa strada. Fatta di alti e bassi, fatta di difficoltà, di enormi difficoltà.

Ma anche d’ immense soddisfazioni e Stefano, lo CSEN, i Ros, i Bad Company ce ne hanno date molte.

Permettetemi anche un ultimo ringraziamento, a qualcuno che questa finale la narrò molto tempo addietro, inducendo in noi curiosità e alte aspettative (pienamente raggiunte):

Grazie Jag, grazie per crederci davvero!

 

Si ringraziano:

le istituzioni:

Comune di Montefiore Conca

Carabinieri di Montefiore Conca

Carabinieri di Montescudo

gli organizzatori:

CRM Ros Riccione

Bad Company RSM

i  competitor:

Doom Troopers, Scout, Wgg, Hellraisers, Aenaria, Incursori, Swat Sele

le contrinterdizione:

Lupi di Serramazzoni, Sport & Natura, Black Widows, Black Eagles, Wgs, Vinassa

gli sponsor e partner:

Stay Up, Sport Camera, Epiù Energia, 4P Softair, Componendo, Taffera Premiazioni, Patch Europe e Guidoreni Vision Group

 

 

 

 

 

Condividi

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to Twitter